L'ultima opera scritta da Agatha Christie

Le porte di Damasco” (titolo originale: “Postern of Fate”) è un romanzo giallo scritto da Agatha Christie e pubblicato nel 1973, stampato dalla Arnoldo Mondadori Editore nella collana “Il Giallo Mondadori” con il numero 1611. Fu l’ultima opera della Christie: gli ultimi romanzi pubblicati prima della sua morte, infatti, erano già stati stesi da vari anni. Protagonisti del racconto sono Tommy e Tuppence, due personaggi tra i più amati dai lettori della scrittrice britannica.

Trama

Tommy e Tuppence Beresford, un tempo titolari dell'”Associazione giovani investigatori” e ora affiatati coniugi di mezza età, si sono ritirati dal lavoro e trasferiti in campagna. L’antica passione per l’avventura, tuttavia, non è del tutto sopita e basta poco per riattizzarla. Frugando in una pila di libri per ragazzi trovati nella casa appena acquistata, i due incorregibili detective si imbattono infatti in alcune parole parzialmente sottolineate con inchiostro rosso. Mettendo tutte insieme le lettere, appare una frase sinistra: «Marie Jordan non è morta di morte naturale. L’ha uccisa uno di noi. Io so chi è stato». Chi ha lasciato il messaggio, che sembra risalire a più di mezzo secolo prima? Perchè quello che sembra essere solo un vecchio mistero può ancora interessare molte persone e mettere in pericolo delle vite?

Curiosità

Il titolo italiano, “Le porte di Damasco”, è tratto da un’opera di James Elroy Flecker.

Annunci
commenti
  1. wwayne ha detto:

    Se ti piace il giallo, spero che questo mio post ti dia degli spunti per le tue letture future http://wwayne.wordpress.com/2013/04/27/la-fine-di-un-era/ : )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...