Posts contrassegnato dai tag ‘blog’

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2015 per questo blog.

Ecco un estratto:

Una metropolitana a New York trasporta 1 200 persone. Questo blog è stato visto circa 4.800 volte nel 2015. Se fosse una metropolitana di New York, ci vorrebbero circa 4 viaggi per trasportare altrettante persone.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

Annunci

I folletti delle statistiche di WordPress hanno preparato un rapporto annuale 2014 per questo blog.

Ecco un estratto:

Una metropolitana a New York trasporta 1.200 persone. Questo blog è stato visto circa 3.800 volte nel 2014. Se fosse una metropolitana di New York, ci vorrebbero circa 3 viaggi per trasportare altrettante persone.

Clicca qui per vedere il rapporto completo

The New York Times

Il New York Times chiude 10 suoi blog

Il New York Times dà un taglio ai blog: una buona metà dei diari on line che reporter e redazioni del più influente quotidiano americano usavano per esprimersi a ruota libera si avvicinano alla chiusura nei prossimi mesi. È la sorte capitata di recente a Green, blog sull’ambiente, e che sta per toccare anche a The Lede, il seguitissimo blog che affrontava in divenire il fatto del giorno.

«Continueremo a fornire contenuti con un tono più colloquiale, solo non sarà più nel formato tradizionale dei blog in ordine cronologico inverso. The Lede sarà il decimo blog chiuso e altri ne verranno», ha dichiarato il vicedirettore Ian Fisher, che non ha voluto precisare quali blog sono destinati a scomparire se non per rassicurare i lettori che i seguitissimi DealBook (finanza), Well (salute) e Bits (informatica) non hanno le ore contate.

Quando i blog comparvero sul New York Times intorno al 2004 rappresentavano la nascita di un nuovo modo di fare giornalismo, più personale e orientato rispetto alla tradizione. Un modello talmente vincente che alcuni blogger come Nat Silver del Times ed Ezra Klein del Washington Post hanno finito per mettersi in proprio, avendo raccolto montagne di seguaci per il loro valore.

Sono state tante le ragioni dietro la decisione del Times, a cominciare da una puramente tecnica: il software dei blog non funziona bene con il recente restyling del sito. Alcuni blog sono popolari mentre altri «ricevono pochissimo traffico e richiedono un’enorme quantità di risorse perché il blog è un animale che ha continuamente fame», ha spiegato Fisher. In ogni caso alla fine «i lettori saranno contenti e la qualità migliorerà perché i giornalisti non saranno costretti a riempire il blog con contenuti artificiali o di scarsa rilevanza».