Posts contrassegnato dai tag ‘specchio’

Il prototipo fai da te di un ingegnere tedesco che lavora a Google

Quante volte capita di vedere i personaggi di un film di fantascienza o ambientato in un futuro prossimo adoperare arnesi ultratecnologici verosimili ma non ancora in commercio! A Max Braun di continuo. Stanco di assistere a queste scene l’ingegnere tedesco di Google ha deciso così di costruirsene uno tutto da solo e durante il tempo libero.

Lo strumento in questione è uno specchio da bagno “intelligente” che proietta le informazioni visualizzabili sulla gran parte degli schermi touch di smartphone e tablet: ora, data, previsioni meteorologiche e le breaking news dell’Associated Press. I “pezzi” che Braun ha assemblato sono uno specchio a doppio senso, un monitor, una scheda di controllo comprata su eBay e una serie di componenti aggiuntivi insieme alla necessaria piattaforma software (ovviamente Android) e alla Application Programming Interface (Interfaccia di Programmazione di un’Applicazione) per l’espletamento dei compiti all’interno dei programmi installati.

Il prodotto è ancora work in progress: l’intenzione dell’ingegnere è di trasferire tutte le informazioni presenti nella scheda di Google Now, che si aggiornano automaticamente senza bisogno di interagire con lo specchio, e successivamente di attivarle attraverso comandi vocali.

Chi passa molto tempo nella toilette per curare il proprio aspetto prima di uscire di casa avrà una scusa per starci ancora di più e magari domandare: «Specchio, specchio delle mie brame, che tempo fa nel mio reame?». Il prototipo di specchio smart di Max Braun non è, però, il primo del suo genere: già Nordstrom ha creato Lo stylist virtuale, uno specchio interattivo che dà consigli e informazioni sui capi d’abbigliamento disponibili in un negozio.

Il primo sistema europeo di trasmissione dati per satelliti è pronto per il lancio

L’Europa avrà presto il suo primo sistema di trasmissione dati in tempo reale per satelliti a bassa quota. L’EDRS European Data Relay System sarà complementare alla rete attuale e assicurerà un costante monitoraggio ambientale delle emergenze e delle missioni di sicurezza. Dopo un anno di attesa il razzo Proton è pronto al lancio in programma a gennaio dal cosmodromo di Bayqoñır, in Kazakistan. Il sistema usa connessioni sia laser che radio ritrasmesse a terra: due nodi in orbita geostazionaria riceveranno i dati dai satelliti che viaggiano su basse orbite.

Il primo elemento EDRS-A è un telescopio autonomo dotato di specchi che proiettano i laser. Il bersaglio mobile può trovarsi ad una distanza massima di 45mila km e richiede un altissimo livello di precisione per colpire. Tale precisione è data dall’estrema pulizia dello strumento alla fine di tutti i test e prima del lancio: un minuscolo granello di polvere potrebbe compromettere la capacità di individuare l’obiettivo.

«Tutti i test dimostrano che il sistema è pronto per la missione – commenta soddisfatto Martin Born, dell’Agenzia Spaziale Europea – Il terminale è stato spurgato con azoto secco per impedire a qualsiasi contaminazione di entrare nell’apertura. L’isolamento multistrato è stato sigillato per il volo e il carico rimarrà chiuso e bloccato fino a che EDRS-A non raggiungerà l’orbita».

Il terminale è dotato anche di un trasmettitore radio in banda Ka utile per fornire dati alla stazione a terra. Il downlink radio è una parte importante dei servizi di EDRS: il laser farà da collegamento bidirezionale e aiuterà gli utenti di EDRS a inviare comandi al satellite. Il Proton porterà con sè anche Eutelsat-9B, un satellite di telecomunicazioni commerciale di Eutelsat, uno degli operatori leader a livello mondiale.

eBay implementa specchi interattivi nei camerini dei negozi Nordstrom

Addio commesse invadenti! Ora da Nordstrom c’è lo stylist virtuale: uno specchio interattivo dà consigli e informazioni sui capi d’abbigliamento disponibili in negozio. Ovviamente per chi lo preferisce l’assistente di vendita in carne e ossa c’è sempre ma all’interno dei camerini, grazie ad eBay che ha implementato il dispositivo, ci sarà un aiuto in più.

I clienti potranno passare i capi portati nelle cabine di prova sull’apposito strumento che scannerizza i codici a barre e permette al sistema di apprendere quali pezzi d’interesse verranno provati. Una volta nel camerino uno specchio touch screen dà accesso al sistema del negozio e segnala se il capo provato è disponibile nel punto vendita in altre taglie o in altri colori.

Inoltre lo “specchio delle meraviglie” informa anche di eventuali capi che potrebbero abbinarsi a quelli indossati e si potrà pagare anche dallo specchio stesso che, usato come tablet, permette di concludere l’acquisto.

Lo strumento sperimentato nei negozi del retailer americano è un tentativo di portare lo shopping on line nel contesto dei negozi fisici.